Due uomini, di 45 e 33 anni, sono stati arrestati a Palermo: hanno entrambi picchiato le loro mogli dopo essere rientrati a casa ubriachi  sono ritenuti responsabili del reato di maltrattamenti in famiglia . Si tratta di due episodi diversi, che tuttavia si sono verificati a breve distanza l'uno dall'altro. 

Il primo ha avuto luogo nei pressi di via Dante: il 45enne è rientrato a casa in stato di ebbrezza e ha iniziato ad offendere la compagna di 36 anni, per poi passare alla violenza fisica. Ha preso un bicchiere di vetro, l'ha colpita alla testa frantumandolo, poi l'ha afferrata per i capelli e l'ha sbattuta contro il frigorifero. Il tutto è avvenuto davanti al figlio di 3 anni. Quando gli agenti sono arrivati sul posto hanno trovato la donna ferita ed impaurita: ha raccontato che da 4 anni subiva violenze di questo tipo, ma che non aveva avuto il coraggio di denunciarlo. L'uomo è stato condotto al carcere Pagliarelli.

L'altro episodio ha avuto luogo nel quartiere di Partanna Mondello. Una donna è stata minacciata dal compagno, rientrato a casa visibilmente ubriaco. Temendo di essere aggredita ha avvisato le forze dell'ordine ed è uscita dall'appartamento attendendo il loro arrivo. Gli agenti hanno riportato la calma, ma quando sono andati via l'uomo – che, come spiegato dalla questura, era "apparso come un docile agnellino" – è tornato alla carica, sferrando un violento schiaffo sul volto della donna. Gli agenti sono quindi tornati e per lui sono scattate le manette.