forconi

Come già successo lo scorso Gennaio 2012, il movimento dei Forconi“torna alla carica” eminaccia di bloccare gli scambi commerciali dello Stretto per 5 giorni a partire dalle 22:00 di domenica 8 dicembre.

Mariano Ferro, leader dei Forconi siciliani continua a sostenere la “rivoluzione”, e si scaglia contro le sigle che hanno revocato la protesta (Unatras e Anita): “Il fronte anti-sciopero è formato solo da quegli imprenditori che continuano ad avere la Mercedes parcheggiata davanti all’azienda. Accordi come questi – prosegue Ferro – sono stati fatti centinaia di volte: gli autotrasportatori sanno benissimo che non ne riceveranno alcun beneficio. E in ogni caso dobbiamo ricordarci pure che questa ribellione non è la ribellione degli autotrasportatori: è la ribellione degli italiani”.

La protesta sarà su scala nazionale e coinvolgerà la Co.sp.a. (Cobas del latte), Azione Rurale Veneto, Movimento Autonomo Trasportatori, Aitras (Associazione Italiana Trasportatori), CRA,e gli agricoltori dell’Agro Pontino.

Danilo Marino