Un tempo esisteva la figura del negriero: commerciante o intermediario che catturava o acquistava gli indigeni suoi fratelli per lucrarci sopra. Solitamente era un semplice rapitore, ma alle volte anche monarca africano.

In America, inoltre, vi erano degli schiavi elevati al rango di negriero. Erano capaci di mettere in atto le peggiori torture e soprusi verso i loro fratelli di sangue pur di non perdere il loro status symbol ed i favori del proprietario terriero.

Ma ancora oggi, che la democrazia è stata esportata a bombe ovunque, è presente una tratta di schiavi. Quindi accogliamo con incredibile letizia la notizia che sia stata arrestata in Germania Ayaan Osman Koofi, donna somala colpita da una delle 48 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Catania nell’ambito dell’operazione “Boarding pass” contro un’organizzazione di trafficanti di esseri umani.
 

In pratica la signora così per bene sarebbe una negriera.
Preparava e gestiva i programmi di viaggio dei migranti e falsificava loro dei documenti di identità.

SI ringraziano per questa operazione sia le forze dell'ordine tedesche che la Squadra Mobile di Ragusa che ha condotto le indagini che il Servizio centrale operativo (Sco) della Polizia di Stato.

Autore | Viola Dante, Immagine | en.wikipedia.org/wiki/File