Un bidello di 59 anni è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver compiuto, in diverse circostanze, atti sessuali nei confronti di una bambina di 9 anni, alunna di una quarta elementare presso un istituto primario di Trapani.

La complessa attività di indagine, coordinata dalla Procura di Trapani, è scaturita a seguito della segnalazione effettuata al Comando dei Carabinieri dai genitori della bambina, ai quali la piccola aveva descritto le particolari "attenzioni" che l'uomo le aveva più volte dedicato. I carabinieri hanno dato inizio ad una articolata e delicata attività investigativa, svolta anche con l'ausilio di sofisticate apparecchiature di ripresa audio-video, finalizzata ad appurare le reali responsabilità dell'impiegato.

Nella tarda mattinata di oggi, l'uomo è stato sorpreso mentre, approfittando di un momento di tranquillità, dopo aver seguito la piccola vittima nell'antibagno, ha afferrato la bambina palpeggiandola e baciandola ripetutamente. I militari sono però intervenuti subito arrestando l'uomo che è stato condotto prima negli uffici della Compagnia Carabinieri di Trapani, e poi nel carcere di "San Giuliano".