Un insetto morto dentro la scatoletta di tonno. La sfortunata è Paola Bastianello di San Giorgio in Bosco, in provincia di Padova. Tutto è finito prontamente su Facebook, dove il contenuto, manco a dirlo, è diventato virale. "Avevo acquistato il tonno un paio di settimane fa in un supermercato di Cittadella. A pranzo dovevo preparare una pastasciutta al tonno per la mia famiglia e ho messo il pesce in un piatto: di solito butto direttamente in pentola, ma stavolta ho fatto questo passaggio in più ed è stata una fortuna", ha raccontato la donna alla stampa locale.

"Bene, guarda un po' che c’è dentro il tonno. I miei figli dicono sia una mosca, secondo me invece è uno scarafaggio", dice ironicamente la povea Paola. I commenti sul social network sono piovuti a decine. "Non è possibile, che schifo, con tutto quello che costa il tonno", "Chissà quante cose mangiamo senza saperlo", "Ti è andata bene, una mia amica ha trovato dentro un cerotto sporco di sangue", scrivono gli utenti.

Tra gli internauti c’è chi la invita a rivolgersi alle autorità: "Non ci salviamo da niente… Igiene, pulizia, non interessa a nessuno, importano solo i guadagni. Denuncia, non fare finta di niente", "Vai dove hai comperato il tonno, non si sa mai, magari ti regalano una spesa". E Paola effettivamente ha chiamato la società che produce il tonno in questione, inviando poi una mail all’azienda genovese, con la foto del piatto e il codice della scatoletta per capire come l'insetto ci sia finito dentro.