Ha ucciso la fidanzata colpendola più volte alla testa, in seguito ad un'accesa discussione durante la quale gli aveva più volte chiesto la sua password di Facebook. L'episodio risale al 2013. Nella notte del 12 novembre gli abitanti di Elmside, New Addington, sono stati svegliati da urla e dal rumore degli pneaumatici della BMW di Kane Boyce (34 anni), all'interno della quale si trovava anche la fidanzata, Paula Newman (20 anni).

Secondo quanto dichiarato da un testimone, l'uomo avrebbe intimato più volte alla ragazza di "loggare" (quindi accedere al suo profilo) e, dopo la risposta negativa, l'avrebbe minacciata. Secondo Boyce, la ragazza si sarebbe gettata da sola fuori dalla BMW, ma questa versione non ha convinto gli inquirenti fin dall'inizio, poiché sono state trovate numerose ferite sul collo e sulla schiena di Paula.

A quanto pare, già in passato altre donne avevano segnalato di aver ricevuto minacce da parte di Boyce. Al momento, l'uomo continua a dichiararsi innocente e il processo continua. L'avvocato dell'accusa, Gillian Etherton, ha dichiarato che Paula aveva confessato ai propri cari di avere seri problemi in merito alla relazione con Boyce che la controllava, era possessivo e spesso violento. Pare che l'uomo pretendesse che stesse sempre chiusa in casa.