L'estate è entrata nel vivo e, sulla scia di luglio, anche agosto si annuncia nel segno del caldo africano, con punte intorno ai 40 gradi, ma anche con una specie di staffetta tra fasi molto calde e altre con caldo meno intenso. «Un diverso allineamento delle anomalie termiche oceaniche settentrionali, nonché una maggiore ostinatezza del fronte subtropicale, conseguente a mutate anomalie termiche superficiali delle acque dell'oceano Pacifico e Atlantico meridionale – spiegano gli esperti de 'Ilmeteo.it' – consentiranno maggiori puntate dell'alta pressione nordafricana verso il bacino del Mediterraneo e quindi l'Italia".

Esistono «Elementi per ritenere che solo temporaneamente potranno inserirsi dei disturbi nordatlantici, ma veloci, rispetto alla loro azione media in questa prima parte stagionale, e anche meno incisivi. Il comparto mediterraneo potrebbe vedere un maggiore favore per azioni anticicloniche e spesso di matrice nordafricana. Possibile uno strappo moderatamente instabile atlantico nei primi giorni del mese, ma abbastanza veloce».

Gli esperti de ilmeteo.it precisano comunque che i dati a disposizione «Non lasciano intravedere una azione ossessiva del fronte caldo nordafricano. Gli spazi ad esso concessi saranno certamente in più, ma potrebbe venire a mancare una continuità nell'azione, cosa che magari renderebbe il caldo opprimente. Sotto questo punto di vista, riteniamo abbastanza ricorrente una sorta di staffetta dell'alta pressione nordafricana con promontori di alta pressione di matrice atlantica e, quindi, fasi calde anche pronunciate, specie al Centrosud, intervallate ad altre con caldo meno intenso».