Un nuovo polo museale, culturale e naturalistico ai piedi dell’Etna, oggi meta scientifico-didattica per le scolaresche siciliane e attrazione per i turisti in visita nel nostro territorio: il Museo dell’Etna di Viagrande (via Dietro Serra) si arricchisce di un nuovo spazio dopo la recente annessione di Casa delle Farfalle, per creare un’unica grande location – di oltre 2mila metri quadrati – all’insegna della sostenibilità ambientale.

«Nato dalla collaborazione tra l’Associazione Amici della Terra e le istituzioni scientifiche locali tra cui Parco dell’Etna, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Protezione Civile e Università degli studi di Catania – spiega Ettore Barbagallo, presidente Amici della Terra e fondatore del progetto – il Museo dedicato ai vulcani della Terra più grande d’Italia, tra gigantografie, simulazioni di colate laviche, modelli e filmati 3D, simulatori di terremoti e grotte di scorrimento lavico, offre un’opportunità unica per entrare nel vivo delle eruzioni vulcaniche, trattando sia gli aspetti naturalistici, sia quelli storici ed etnoantropologici».

Un vero e proprio viaggio al centro della Terra, grazie al supporto di esperti e specialisti, in un’area espositiva dov’è presente anche un’intera sezione dedicata al lavoro svolto dai vulcanologi e alle tecniche di monitoraggio dell’Etna, «patrimonio di biodiversità da divulgare, promuovere e tutelare».

Quest’anno la vera novità è l’innesto di uno spazio dedicato alle farfalle: una grande serra tropicale dove centinaia di esemplari, tra i più belli e straordinari del mondo, volano liberamente per farsi ammirare. Un luogo che oltre a offrire un viaggio emozionale, consente a grandi e piccoli di comprendere l’importanza della tutela degli habitat, contribuendo al progetto di ricerca sull'”Aurora dell’Etna”: bellissima farfallina siciliana a rischio di estinzione.

«Durante la visita viene offerto anche un focus tematico sul ruolo ambientale degli insetti impollinatori – continua Barbagallo – le aule didattiche introducono il mondo delle farfalle e la mostra sui “Colori della Natura” arricchisce il percorso con i disegni sulle ali delle farfalle. All’interno della grande voliera, appena ristrutturata e dotata di nuove tecnologie per garantire la migliore condizione di vita alle farfalle, si possono osservare da vicino alcune tra le più interessanti specie: la farfalla civetta, la falena cobra o la farfalla foglia, la Morpho, farfalla azzurra tra le più belle al mondo e la Greta, farfalla con ali trasparenti che ingannano i predatori».

Ma gli “eco-progetti” di Amici della Terra sono molteplici e trasversali: «In stretta correlazione con le farfalle c’è anche il mondo delle api – continua Ettore Barbagallo – insetti impollinatori da cui dipende il 70% del nostro cibo. All’interno del museo è stata allestita una sezione dedicata alle Api Nere Sicule, razza rischio di estinzione il cui miele è particolarmente ricco di nutrienti e antiossidanti. Presso l’apiario didattico, con le arnie e gli strumenti dell’apicoltore, si potrà osservare da vicino una famiglia di api in piena sicurezza, assaggiare il miele e addentrarsi nel fantastico mondo delle api apprezzandone il prezioso ruolo ambientale».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati