1368940_563352710398958_1056592670_nLa villa del Casale è una delle tante meraviglie siciliane.
Si tratta di una vecchia dimora rurale risalente all'epoca tardo-romana.
La si può visitare nell'immediata periferia di Piazza Armerina. L'Unesco l'ha dichiarata patrimonio dell'umanità nel 1997.

I mosaici in particolare sono qualcosa di sublime.

Ne potete ammirare uno proprio qui alla vostra sinistra.
Le maestranze che li realizzarono provenivano da tutto il mondo, ma in particolare erano africane (con chiare eredità alessandrine e tendenze siriache) e romane. Circa 3500 metri quadrati di pura gioia per gli occhi. Sono di una ricchezza e di una varietà tale che non ci sono paragoni nel mondo.

La Villa Romana del Casale fu edificata tra la fine del sec. III e l'inizio del sec. IV d.C..

Essa si andava ad inserire in quel sistema di latifondi, retti dalle potenti famiglie romane, che vi si recavano per dedicarsi alla caccia o semplicemente per una vacanza.

Alcuni studiosi azzardano che la villa fosse appartenuta addirittura all'Imperatore M. Valerio Massimiano, detto Herculeos Victor. Altri ritengono più probabile che il proprietario fosse un Console (sempre di alti ranghi stiamo parlando).


Quando l'impero romano cadde, la villa fu comunque abitata. Gli arabi la adorarono.
I normanni, invece, la distrussero parzialmente.
In fine una valanga di fango proveniente dal monte Mangone la ricoprì totalmente, perchè noi la potessimo un giorno riscoprire in tutta la sua bellezza.
 

La planimetria della villa è molto articolata: si distinguono chiaramente una parte residenziale intorno al grande peristilio ellittico e la grande sala trilobata. Vi è anche un complesso delle terme.
Tutte queste parti vengono articolate tra di loro mediante il cortile-porticato d'ingresso.

Quando si può visitare la Villa Romana del Casale?

La Villa è aperta, ogni giorno compresi i festivi.

Durante il periodo di vigenza dell’ora legale, e cioè dall’ultima domenica di marzo all’ultimo sabato di ottobre: la biglietteria rimarrà aperta dalle ore 9,00 alle ore 18,00, il cancello sarà chiuso alle ore 19,00.

Durante il periodo di vigenza dell’ora solare, e cioè dall’ultima domenica di ottobre all’ultimo sabato di marzo: la biglietteria rimarrà aperta dalle ore 9,00 alle ore 16,00, il cancello sarà chiuso alle ore 17,00.

APERTURA SERALE: Dal 5 giugno la chiusura della biglietteria è prorogata alle ore 23,00 mentre il cancello verrà chiuso alle ore 23,30.

Per tutti i visitatori il costo del biglietto è di € 10,00. Tuttavia i docenti delle scuole statali con incarico a tempo indeterminato pagano 5 euro; i residenti della provincia di Enna 1 euro (sito ufficiale).

Che fa, si va tutti assieme?


Autore | Viola Dante; Immagine | facebook.com/lasicilia;