Rispondere a una mail sospetta o entrare su un sito che in realtà è solo un esca potrebbe avere conseguenze molto nefaste per il computer. Se, fino a qualche giorno fa, i ransomware, cioè i virus che prendono in ostaggio il computer, avevano colpito solo pc con sistema operativo windows, adesso c'è stato il primo attacco che ha coinvolto i Mac di Apple. 

A scoprirlo è stato la società Palo Alto Networks e l'allarme è subito arrivato alla casa di Cupertuno. Un portavoce ha reso noto che il gruppo ha giù preso provvedimenti per prevenire gli attacchi. Questo genere di virus, noto come "cryptolocker" è in costante crescita e produce un giro di affari da centinaia di milioni di dollari l'anno, a livello globale. Email e siti diventano un esca e consentono ai malintenzionati di prendere "in ostaggio" i dati di ignari utenti, chiedendo poi un riscatto.

Per difendervi dal cryptolocker, ricordate di fare attenzione alle email che ricevete e ai siti che visitate: di fronte a messaggi o richieste sospette, nel dubbio, evitate di dare risposta. Qualora riceviate richieste di denaro, contattate la polizia postale.