All'alba di oggi i carabinieri hanno eseguito a Palermo e Messina un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), nei confronti di sei persone: sono tutte ritenute responsabili, a vario titolo, di rapina aggravata in concorso, mediante l'ipnosi delle loro vittime.

L'operazione, visti i fatti contestati, è stata denominata "Hypnose". È stata sgominata una banda di rapitori, con base a Palermo, i cui componenti rapinavano diverse vittime, perlopiù anziane.

La dinamica era sempre simile: dopo essere stati avvicinati col pretesto di una finta compravendita di gioielli, i malcapitati percepivano un intenso profumo che, insieme ad altre tecniche di manipolazione ipnotica, li induceva in stato confusionale. Venivano così persuasi a recarsi presso la propria abitazione o nei propri istituti di credito al fine di procurarsi il denaro che consegnavano ai malfattori.