La pretesa di sostituzione del prodotto difettoso scatena il finimondo. E per porre fine al caos deve intervenire la polizia. Oggetto del contendere una stufa malfunzionante riportata indietro. La richiesta di una sostituzione immediata con modi tutt'altro che garbati, seguita da qualche parola non certo amichevole, provoca il vivamaria nel negozio Jolly Elettronica in via Turrisi a Palermo.

Un cliente aveva riportato indietro l'elettrodomestico che a suo dire non funzionava bene. Né è subito nata una violenta discussione tra i dipendenti e lo stesso malmostoso acquirente. Non sono volate solo parole grosse, ma anche schiaffi e pugni; una situazione al calor biando, fin quando alcuni degli altri clienti non hanno chiamato il 113.

Per riportare la calma sono dovuti intervenire due volanti della polizia. Sono arrivati anche i sanitari del 118 che hanno medicato alcuni dei contendenti.