CATANIA – Aveva chiesto e ottenuto tramite Facebook alcune foto intime da una ragazzina catanese di 11 anni, nonostante fosse con certezza a conoscenza della sua età. Questa è l'accusa contestata a un disoccupato di 20 anni, della provincia di Caserta, denunciato in stato di libertà  dagli investigatori del compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni "Sicilia Orientale" di Catania, per "adescamento allo scopo di procurarsi pornografia minorile".

Le indagini sono partite in seguito alla denuncia dei genitori della ragazzina, che sono venuti a conoscenza di quanto è accaduto. La Procura distrettuale di Catania ha disposto una perquisizione locale ed informatica, che ha dato conferma delle ipotesi investigative. Al fine di comprendere se altri minorenni siano stati vittime di adescamento online (una tecnica che è conosciuta con il nome di "grooming"), sono in corso accertamenti.