Incidente di volo al largo di Catania, ma per fortuna si è trattato soltanto di un'esercitazione. Un aereo è precipitato in mare nell'ambito dell'esercitazione dell'aeronautica militare che si è tenuta nella zona antistante il centro di Sopravvivenza con recupero naufraghi.

A organizzare le operazioni, l'Ufficio Sicurezza Volo dell'Aeroporto di Sigonella con l'ausilio della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Catania: il tutto è stato effettuato allo scopo di addestrare il personale navigante e gli equipaggi fissi di volo del velivolo P-72A del 41° Stormo, con l'intervento degli aerosoccorritori e l'impiego di un elicottero HH 139A del 82° Centro Combat Serach and Rescue di Trapani.

L'equipaggio del P-72A è stato è stato condotto nella zona di mare precedentemente individuata dove, a seguito di un incidente di volo simulato, con l'ausilio dell'equipaggiamento di salvataggio in dotazione (giubbetto, zattera gonfiabile e altri), ha effettuato delle prove di acquaticità e consolidato le tecniche di sopravvivenza in ambiente marino ostile. Nella fase successiva, l'intervento dell'elicottero che con il verricello ha recuperato e portato in salvo tutti i naufraghi.