A Roma un uomo ha deciso di affrontare a viso aperto i bulli del figlio disabile di 17 anni. Preoccupato per l'incolumità e la serenità del ragazzo, martedì sera ha deciso di andare a parlare con la comitiva di giovani, piuttosto noti nel quartiere.

Di fronte alle rimostranze del 48enne, che aveva semplicemente chiesto di lasciare in pace il figlio e di non prenderlo in giro per la sua disabilità, il gruppo di ragazzini lo ha aggredito a calci e pugni lasciandolo in terra in una maschera di sangue.

Soccorso da un'ambulanza del 118, l'uomo è stato portato al pronto soccorso del Policlinico di Tor Vergata, venendo successivamente trasferito all'Umberto I e dimesso con trenta giorni di prognosi. Ora gli agenti della Squadra Mobile hanno individuato i membri della baby gang che hanno pestato l'uomo. Sono tutti minorenni e sono stati denunciati.