Emergono nuovi dettagli sul caso della studentessa che ha rinvenuto due aghi per cucire all'interno di una mozzarella acquistata al supermercato. Secondo quanto verificato dai carabinieri, la confezione non presenta buchi e, dunque, gli aghi non sono stati inseriti dall'esterno. Per questo motivo, dopo aver sequestrato il latticino acquistato dalla donna, i militari hanno disposto il ritiro dal commercio del lotto di mozzarella in via precauzionale.

Come riporta Il Fatto Quotidiano:

In base alle verifiche, la confezione appartiene a un lotto di 3.840 mozzarelle. Di queste 600 erano state distribuite alla catena Esselunga e sono state già ritirate dal commercio, mentre le restanti 3.240 erano state distribuite ad altri rivenditori e sono state richiamate. I latticini erano marchiati Mukki, ma – spiegano fonti aziendali – non erano stati prodotti nello stabilimento fiorentino della Centrale del Latte, ma da un altro produttore: “La produzione è affidata a terzisti“, dicono da Mukki all’Ansa.