Un uomo di 56 anni è stato denunciato a Cefalù per procurato allarme. Secondo la polizia non vi sono dubbi sul fatto che si tratti di un mitomane: lo scorso 12 giugno ha chiamato il 113 per segnalare la presenza di una bomba all'interno del Duomo della cittadina, luogo sensibile, ma anche Patrimonio dell'Umanità Unesco (fa parte dell'itinerario Arabo-Normanno, che include diversi luoghi di Palermo e il Duomo di Monreale).

Le indagini sono state supportate anche dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza del centro storico, che hanno smentito quanto dichiarato dal 56enne di Cefalù. È bastato poco tempo per identificarlo e denunciarlo per procurato allarme. I militari hanno spiegato: "L'uomo è comunque da ritenersi totalmente estraneo ad ambienti malavitosi".