AGRIGENTO – Nel carcere di Agrigento un detenuto italiano di 30 anni, imputato per omicidio, ha appiccato il fuoco al materasso della sua cella. Quella che sarebbe stata ricostruita come "protesta" avrebbe potuto conseguenze tragiche, ben più gravi di quelle avvenute.

Come scrive il "Giornale di Sicilia", infatti, quattro agenti di polizia penitenziaria sono finiti al pronto soccorso dell’ospedale "San Giovanni di Dio". Non a caso il Sappe, il sindacato autonomo di polizia penitenziaria, ha nuovamente lanciato l'allarme sugli eventi violenti nella carceri in Italia.