PORTO EMPEDOCLE (AGRIGENTO) – Un 19enne di Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, andrà a con l’accusa di avere indotto una ragazzina di 12 anni a praticare autoerotismo fotografandosi e inviandogli le immagini sul cellulare.

Per il pubblico ministero vale l'imputazione di atti sessuali con minorenne. Pur non essendoci stato alcun contatto fisico fra i due, la circostanza di averla indotta a masturbarsi, a detta del pm, equivale all’aver compiuto il reato.

La controversa vicenda risale al periodo compreso fra l’ottobre e il dicembre 2017.