Un facoltoso manager veneto aveva avuto una storia extraconiugale con una barista di 27 anni. A un certo punto la donna ha iniziato a fare richieste di denaro sempre più insistenti, minacciando di rivelare tutto alla moglie. La stessa donna ha poi detto al suo amante di essere incinta e, per l'interruzione di gravidanza, ha chiesto un "aiuto economico" che le è stato dato.

L'uomo, arrivati a quel punto, ha interrotto la relazione. Lei, da par suo, ha perseverato con la richiesta di soldi per pagare l'affitto a capi di abbigliamento firmati, arrivando a mandare all'uomo quasi 50 messaggi al giorno. Dopo aver sborsato complessivamente 30mila euro, il manager ha cercato di risolvere il problema definitivamente ma la donna ha minacciato di raccontare tutto alla sua famiglia e nel suo luogo di lavoro.

Immediata la denuncia alla polizia. D'accordo con gli agenti, l'uomo ha fissato un appuntamento con 27enne, nei pressi della sua abitazione. Quando ha consegnato alla donna la busta, contenente 2.800 euro, sono intervenuti i poliziotti  che hanno effettuato l'arresto in flagranza per estorsione aggravata. Nel corso della perquisizione in casa della donna, la polizia ha sequestrato il suo cellulare oltre a riscontrare la presenza di molti oggetti costosi.