di Nando Cimino

 
Sarà forse stata colpa della famosa crisi del settimo anno, ma durò comunque abbastanza la bella storia d'amore tra la grande Eleonora Duse ed uno dei più bravi attori italiani dell'ottocento. Parliamo di Flavio Andò, artista geniale e di grande carattere, nato a Palermo il 17 gennaio del 1851. Dopo varie ed in qualche maniera anche avventurose vicissitudini, Andò divenuto nel frattempo attore di fama nazionale, nel 1880 conosce e incomincia a lavorare con la divina Duse che, innamoratasene, decide di fondare con lui addirittura una compagnia teatrale, la “Compagnia città di Roma”.

Insieme i due, in giro per tanti teatri italiani, ottengono successi clamorosi, e di Flavio Andò restano ancora oggi memorabili le interpretazioni di Duval ne “La signora delle camelie” e di Turiddu nella “Cavalleria Rusticana”. Flavio Andò morì agli inizi della prima guerra mondiale nel pieno della sua attività artistica, dopo aver fatto conoscere al pubblico numerosi attori e attrici tra cui la grande Emma Grammatica. In Sicilia Andò è conosciuto da pochi addetti ai lavori; anche se, a onor del vero, la sua Palermo, così come Roma e Milano e la stessa Marina di Pisa, città dove è morto nel 1915, gli hanno poi dedicato una strada.