Anche la stampa argentina ha ricordato Lando Buzzanca, l’attore palermitano scomparso domenica scorsa a Roma.

Ciò perché l’artista siciliano era conosciuto nel Paese sudamericano sia per la presenza di una grande comunità italiana emigrata anche dalla Sicilia, sia per la sua partecipazione in due film girati a Buenos Aires.

Quindi, Clarín, il principale quotidiano argentino, ha dedicato a Buzzanca una notizia e una foto che lo ritrae sorridente sotto il suo titolo di prima pagina: “Lando Buzzanca, un simbolo del cinema italiano. Simpatico e esuberante, fu un grande interpretazione in ‘Homo Eroticus’. È morto a Roma all’età di 87 anni’.

Lo stesso ha fatto il quotidiano El Dia, secondo cui Buzzanca, “nonostante le continue stroncature della critica per l’umorismo rozzo dei suoi personaggi, fu un attore enormemente popolare negli anni ’60 e ’70”.

Addio Lando Buzzanca, aveva le sue origini nel cuore: "Sono palermitano, poi siciliano e dopo italiano"

Lando Buzzanca

Infine, l’agenzia di stampa Telam ha proposto un’ampia biografia del protagonista de Il merlo maschio, ricordando fra l’altro un suo doppio passaggio sul set argentino.

“In Argentina – ha ricordato l’agenzia – si fa conoscere per la prima volta per Divorzio all’italiana (1961), di Pietro Germi, insieme a Marcello Mastroianni e Stefania Sandrelli, ma successivamente giunge nel Paese per partecipare a due coproduzioni”.

Si tratta de El gran robo (La grande rapina, 1967), diretto dall’attore Rossano Brazzi, con l’attrice svedese naturalizzata americana, Ann-Margret, e di Los crápulas (I Mascalzoni, 1981), dell’argentino Jorge Pantano, con José Wilker, Ana María Picchio, Soledad Silveyra e Leonor Manso.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia