Nella tradizione dolciaria della Sicilia, merita ampio spazio anche il torrone. Ebbene sì. In particolare, oggi vogliamo portarvi nella parte centrale dell’isola, per scoprire storia e ricetta del torrone di Caltanissetta.

Scopriamo il Torrone di Caltanissetta

Non è un caso se in Sicilia si fa un torrone buonissimo: nella parte centrale dell’isola, infatti, l’entroterra è ricco di mandorleti e pistacchieti, che regalano ingredienti straordinari. Facciamo tappa a Caltanissetta, per scoprire una dolcissima tradizione di antica data.

Nella seconda metà dell’Ottocento, Caltanissetta era la “città del torrone”. Vi erano, infatti, ben 8 torronifici, specializzati nella produzione di turruni artigianale, sia a pasta dura che friabile o bloc. Una delizia a base di mandorle, pistacchi, miele, albume e zucchero.

Questo antico sapere è stato tramandato dai maestri turrunari. Si mescolano gli ingredienti in una caldaia dal fondo di rame e, nella fase finale di cottura, si aggiungono mandorle e pistacchi siciliano. L’impasto, al termine, è steso su telai dalla forma rettangolare e lavorato con mattarelli di legno. A questo punto di distribuisce altro pistacchio sulla superficie dei blocchi.

I telai con il torrone si mettono sotto una pressa che ne uniforma la superficie e fissa meglio il pistacchio sulla superficie esterna. Quando si raffredda, si estrae dai telai e si taglia in pezzature di diverso peso.

Nel 1884 il torrone di Caltanissetta di Salvatore Amico vince il primo posto all’Esposizione Generale Italiana di Torino nella categoria “Torroni e panforte“, sbaragliando la concorrenza di Lombardia, Toscana e Campania. Altri due nisseni, Luigi Giannone e Giuseppe Infantolino, ottengono la menzione d’oro. Ora che ne conosciamo la storia, scopriamo insieme come preparare il delizioso torrone tipico di Caltanissetta.

La vera ricetta del torrone di Caltanissetta

Ingredienti

  • Zucchero a velo, 400 g;
  • Mandorle intere pelate, 250 g;
  • Pistacchi sgusciati non salati, 250 g;
  • Miele, 200 g;
  • Albume, 1.

Procedimento

  1. Per prima cosa, bisogna tostare mandorle e pistacchi in forno, a temperatura moderata, fino a farli diventare dorati.
  2. A parte montare l’albume a neve e aggiungere il miele liquido, sbattendo fino a quando il composto non diventa chiaro.
  3. Amalgamare bene questo composto con lo zucchero, quindi versarlo in un tegame e cuocere a fiamma bassa.
  4. Mescolare con cura.
  5. Una volta che la pasta si sarà indurita, seguendo il proprio gusto, togliere il tegame dal fuoco e mescolare al composto i pistacchi e le mandorle, tagliate grossolanamente.
  6. Stendere su uno stampo rettangolare, ricoperto di carta da forno.
  7. Coprire con altra carta da forno e pressare bene, quindi fate freddare a temperatura ambiente.

Foto di OppidumNissenae – Own work, CC BY-SA 4.0.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati