Come ogni anno, a cose fatte, si invocano provvedimenti, soppressioni, ispezioni anche da parte di chi avrebbe avuto la possibilità di intervenire per tempo e con sicura efficacia. C’è stato qualcuno che si è prodigato perché i contributi venissero assegnati sulla base di criteri comprensibili e condivisibili; c’è stato qualcuno che ha lavorato alla realizzazione di un apposito Disegno di Legge. E si sappia anche che una attività conoscitiva sulla natura giuridica degli enti, sui loro patrimoni e sulla quantità e qualità delle attività svolte è stata puntualmente condotta! Gli onorevoli deputati erano perfettamente a conoscenza del ‘profilo’ di ogni singolo ente beneficiario.

[Continua la lettura dell’articolo]