Dieci minorenni stranieri sono stati arrestati ieri dalla polizia per sequestro di persona ed estorsione. Il gruppo di ragazzi è ospite di una comunità di accoglienza per minori stranieri di Caltanissetta: avevano chiesto a una delle assistenti i pocket money settimanale, del valore di 14 euro ciascuno, ma quando la donna ha comunicato loro che era impossibile per problemi contabili, hanno reagito in modo inaspettato.

Hanno chiuso la porta della stanza in cui si trovavano, impedendo alla donna di uscire, e si sono impossessati dei telecomandi del cancello di ingresso della struttura. Utilizzando il proprio cellulare, l'assistente sociale è riuscita a chiamare il 113: i poliziotti hanno fatto irruzione, arrestando sette gambiani, due egiziani e un guineano, di età compresa tra 15 e 17 anni. I giovani sono stati condotti negli istituti penali minorili di Caltanissetta, Palermo e Catania. Insieme a loro c'erano anche tre diciottenni, denunciati per sequestro di persona ed estorsione.