Importante segnalazione da parte della Polizia sulla pagina Facebook "Una vita da social": nelle ultime settimane ha avuto un vero e proprio picco un porno virus, in circolazione da diverso tempo, che è già costato caro a parecchi utenti. 

"Si tratta – si legge – del virus che tramite il più conosciuto e utilizzato social network installa un malware in grado di sottrarre informazioni e dati sensibili. Il virus in questione si cela infatti dietro un classico 'tag': il suo funzionamento è abbastanza semplice e si diffonde a macchia d'olio sul profilo e sui contatti della vittima, poiché il suo meccanismo è analogo a quello di una catena di Sant'Antonio. Si parte con una notifica che avvisa l'utente di essere stato menzionato in un commento. Sulla propria bacheca, dunque, si ritrova un video dal carattere apparentemente pornografico ed effettivamente il tag del suo nome, insieme a quello di altri amici. Basta dunque cliccare sull'anteprima del video perché il virus si diffonda a macchia d'olio anche sui profili degli amici della vittima originaria. Una volta che si è cliccato sul video, dunque, si finisce in una pagina esterna nella quale si chiede il download di un malware che, una volta installato, sarebbe in grado anche di rubare dati e informazioni sensibili".

Per proteggersi, il consiglio è sempre lo stesso: non cliccare su link sospetti o provenienti da fonti anonime e prestare attenzione anche quando un contenuto è condiviso da un amico. È buona norma, inoltre, installare un buon antivirus che fermi le minacce sul nascere.