Sconvolgente vicenda ad Augusta (Siracusa): una ragazzina di 17 anni picchiava, insieme al fidanzato di 22 anni, sua madre, perché si opponeva alla loro relazione. I carabinieri hanno eseguito un’ordinanza cautelare emessa dal Tribunale di Siracusa e dal Tribunale dei Minorenni di Catania emessa su richiesta della Procura aretusea nei confronti di C.V . 17 anni e del fidanzato C.L. di 22 anni.

L'accusa in concorso è di lesioni personali aggravate e di atti persecutori ai danni della donna. Secondo quanto accertato dagli investigatori, la madre della ragazza aveva intuito l'indole violenta del 22enne si opponeva alla relazione tra i due. Da almeno un anno subiva minacce, ingiurie e percosse, in un'escalation di violenza culminata con una tremenda aggressione. Il 16 maggio il ragazzo si è scagliato contro la donna con ripetute scariche elettriche tramite teaser. Il 22enne, esaurita la batteria, l'ha continuata a colpire, utilizzando lo strumento come bastone.

La ragazzina, nel frattempo, non solo non è intervenuta, ma ha anzi chiuso le tapparelle di casa, per evitare che qualcuno aiutasse la madre. La 17enne è stata trasferita in una comunità minorile individuata dal Tribunale per minorenni di Catania mentre il giovane è stato rinchiuso nel carcere di Cavadonna.