Salvatore Burrafato, sindaco di Termini Imerese (PA) è indagato dalla Procura per peculato, truffa aggravata, falso in atto pubblico e abuso d'ufficio: secondo l'accusa, avrebbe utilizzato, in più di una occasione, l'auto comunale e le prestazioni lavorative del suo autista per scopi personali. Il sindaco, inoltre, avrebbe utilizzato dei locali comunali già concessi in affitto a privati con locazione scaduta e mai rinnovata, per ragioni esclusivamente private. Stamane è stata notificata a Burrafato e al suo autista, Marino Battaglia, un'ordinanza cautelare emessa dal gip Michele Guarnotta, che impone loro l'obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. Secondo quanto riportato da Ansa.it, gli investigatori hanno accertato l'utilizzo privato del mezzo di servizio da parte del sindaco e delle prestazioni dell'autista, per circa un anno.

Foto: LiveSicilia