L'autovelox può riservare molte sorprese. Forse non tutti lo sanno ma, quando si riceve una multa per eccesso di velocità, è molto importante prestare la massima attenzione alla "comunicazione dati conducente". Non basta, infatti, pagare la multa, perché, se si dimentica di comunicare alle autorità i dati della persona che si trovava alla guida nel momento dell'infrazione, si rischia di pagare una seconda sanzione che va dai 282 ai 1142 euro.

Il motivo è che la polizia deve provvedere, solo nei confronti del conducente, alla decurtazione dei punti della patente. L'obbligo di comunicare i dati vale solo per quelle multe che non sono state contestate immediatamente al conducente e che comportano la decurtazione dei punti. In caso di multa ricevuta a casa, anche se a guidare era lo stesso proprietario del veicolo, lo stesso che sta pagando la multa, bisogna comunque specificarlo. Si hanno 60 giorni di tempo dalla notifica del verbale per completare la comunicazione e non beccarsi una "seconda" multa.