Tutto quello che c’è da sapere su Beppe Fiorello. Giuseppe è il fratello del mitico showman Rosario e, come lui, lavora nel mondo dello spettacolo. È attore, produttore cinematografico e sceneggiatore.

Biografia di Beppe Fiorello

Giuseppe Fiorello, meglio conosciuto come Beppe, nasce a Catania il 12 marzo del 1969. Inizialmente lavora con il fratello Rosario Fiorello, come tecnico del villaggio turistico Valtur a Brucoli. Nel 1994 inizia a lavorare a Radio Deejay e, nello stesso anno, debutta in televisione.

Il debutto nel mondo del cinema, invece, è datato 1998. In quell’anno, infatti, esce “L’ultimo Capodanno”. É anche volto di tante fiction e miniserie trasmesse dalla Rai.

Il papà, Nicola, era un appuntato radiotelegrafista della Guardia di Finanza, originario di Letojanni (ME). La mamma, Rosaria Galeano, è originaria di Giardini-Naxos. Beppe Fiorello è il fratello minore di Rosario e di Catena Fiorello.

Cresce ad Augusta, in provincia di Siracusa. Inizia a lavorare nel villaggio turistico Valtur di Brucoli, accanto a Rosario. Poi lavora nel villaggio di Pila. Nel 1994 approda a Radio Deejay, con il nome d’arte “Fiorellino“, e lavora al fianco di Marco Baldini, Luca Laurenti e Amadeus.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da aquafanriccione (@aquafanriccione)

La carriera di Giuseppe Fiorello, detto Beppe

Nello stesso anno debutta in televisione al “Karaoke“, il programma di Mediaset condotto in precedenza dal fratello. Tenta la carriera musicale, con un’esperienza come cantante del gruppo pop italiano “Patti chiari“. Nel 1996 in una libreria di Riccione, tramite Daria Bignardi, conosce Niccolò Ammaniti. Il regista gli propone di andare a Roma a fare un provino per un film di Marco Risi scritto da lui.

Così Beppe Fiorello debutta al cinema, con il film “L’ultimo capodanno”. Fa il suo esordio anche in televisione con Ultimo, diretto da Stefano Reali e trasmesso da Canale 5, con Raoul Bova. Interpreta l’appuntato Nocelli Domenico, detto “Parsifal”.

L’anno seguente compare ne Il talento di Mr. Ripley, insieme al fratello e ad attori internazionali come Matt Damon, Gwyneth Paltrow, Jude Law e Cate Blanchett. È anche il protagonista ne I fetentoni e compare ne Il morso del serpente, due film di mafia. Torna al cinema nel 2000 come co-protagonista insieme a Carlo Verdone in C’era un cinese in coma. Torna a lavorare poi con Marco Risi in Tre mogli.

Nel 2001 e nel 2002 partecipa a due serate di Stasera pago io, show di grande successo del fratello Rosario Fiorello. Tante per lui le partecipazioni in diverse serie trasmesse dalla Rai. Si ricordano: La guerra è finita nel 2002; Salvo D’Acquisto nel 2003; L’uomo sbagliato; Il grande Torino; Il cuore nel pozzo; Joe Petrosino, nel 2006. Nello stesso anno partecipa al primo episodio della fiction Rai Crimini.

Nel 2007 è protagonista di Giuseppe Moscati, cui fanno seguito il film tv La vita rubata e la miniserie Il bambino della domenica, entrambi in onda nel 2008. Proprio quest’ultima miniserie è nata da un’idea dello stesso Beppe Fiorello. É protagonista anche di Scherzi a parte.

Sempre nel 2007 debutta come regista per i videoclip dell’album Il mutevole abitante del mio solito involucro di Silvia Salemi. Rtorna sul grande schermo con il film Appuntamento a ora insolita con Ricky Tognazzi e Giulio Scarpati, cui seguono I galantuomini, e Baarìa, con la regia di Giuseppe Tornatore, entrambi del 2008.

Nel 2010 è nuovamente su Rai Uno con varie fiction: Lo scandalo della Banca Romana; Il sorteggio; La leggenda del bandito e del campione. Nello stesso anno partecipa anche alla sesta puntata del programma televisivo Rai Ballando con le stelle come Ballerino per una notte con un tango di coppia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Fiorello (@giuseppefiorello)

Per i 150 anni dell’Unita d’Italia insieme al fratello Rosario produce un cortometraggio dal titolo Domani in cui recitano anche i suoi figli Anita e Nicola. Recita anche nei film I baci mai dati e Terraferma. Ritorna in televisione con Sarò sempre tuo padre.

Nel 2012 torna al cinema con Magnifica presenza di Ferzan Özpetek. A ottobre va in onda su Rai 1 lo speciale Il racconto di Beppe Fiorello di Vincenzo Mollica. Girato ad Augusta, ripercorre la vita di Fiorello con una sua lunga intervista. A novembre, dopo dieci anni, torna a teatro con Penso che un sogno così.. di Giampiero Solari. Lo spettacolo va in scena anche negli Stati Uniti, ad Atlantic City e a Foxwood ad aprile.

Torna al cinema con il lungometraggio Se chiudo gli occhi non sono più qui per la regia di Vittorio Moroni e su Rai 1, nel febbraio 2014, con il film di Marco Pontecorvo L’oro di Scampia. Dal romanzo “Non chiedere perché” di Franco Di Mare, produce con la sua Iblafilm e cura soggetto e sceneggiatura de L’angelo di Sarajevo.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Fiorello (@giuseppefiorello)

La successiva miniserie che va in onda su Rai 1 il 15 e 16 febbraio 2016 è Io non mi arrendo Il 23 maggio, a 24 anni dalla Strage di Capaci, torna al cinema con Era d’estate interpretando Paolo Borsellino.

Nel febbraio 2017 è su Rai 1 con I fantasmi di Portopalo. La sua Iblafilm e R.O.S.A. Production (del fratello)  debuttano al cinema con Chi m’ha visto. La sera del 5 aprile 2018 su Rai 1 viene lanciato Mio fratello, videoclip della canzone di Biagio Antonacci e Mario Incudine per la regia di Gabriele Muccino con la partecipazione dei fratelli Fiorello.

Nell’estate del 2021 inizia le riprese del primo film diretto da lui dal titolo Stranizza d’amuri, liberamente ispirato a un fatto di cronaca accaduto in Sicilia alla fine degli anni ‘70. Le riprese sono finite nel novembre del 2021.

Beppe Fiorello, moglie, figli, vita privata

Il 16 ottobre 2010 ha sposato la compagna Eleonora Pratelli in una chiesa all’interno del Vaticano. Hanno due figli: Anita (nata nel 2003) e Nicola (nato nel2005). Nel 2021 gli conferiscono la cittadinanza onoraria di Ferla, in provincia di Siracusa.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati