Burian, il gelido vento siberiano, è tutt'altro che ben intenzionato: una delle sue caratteristiche è la capacità di far crollare le temperature di 10/12 gradi in meno di mezz'ora e, nei prossimi giorni metterà a frutto questo "talento". Sarà martedì prossimo, 27 febbraio, il giorno più freddo dell’inverno, preceduto da neve e ghiaccio.

Martedì, ad esempio, Roma, con 5 gradi di giorno, raggiungerà il valore più alto. Sulle regioni settentrionali i valori saranno infatti da brividi, con le minime ampiamente sotto zero con misure vicine ai -10° su gran parte della Pianura padana, -13° a Torino, -15° ad Aosta. 

L'effetto del Burian si farà sentire meno al Sud e in Sicilia i valori saranno più alti. Bisognerà stringere i denti, ma non per molto: da mercoledì 28 Burian lascerà gradualmente l'Italia.