Un pullman che trasportava 46 pellegrini friulani è rimasto coinvolto in un grave incidente stradale a circa 70 km da Vienna. Lo rende noto la Farnesina. "Dieci sono incolumi, gli altri hanno riportato ferite di vario livello di gravità e sono attualmente ricoverati in diverse strutture ospedaliere nei dintorni di Vienna", riferiscono dal ministero degli Esteri aggiungendo che l'ambasciata italiana è in contatto con le autorità locali e si è immediatamente attivata per prestate tutta l'assistenza necessaria.

L'incidente è avvenuto intorno a mezzogiorno di ieri. I passeggeri del pullman, udinesi, goriziani e cividalesi, tutti tra i 40 e i 50 anni, erano partiti all'alba da Gorizia diretti in Polonia. Il pullman ha raggiunto l'Austria attraversando la Slovenia, poi si è immessa sulla A2, in un tratto dove poco prima si era verificato un altro incidente stradale. La notizia, per ovvi motivi, assume ancora più risonanza sul "Messaggero Veneto". "Il bilancio è di 4 persone ferite in modo grave e 42 in modo lieve", ha sintetizzato al termine delle operazioni di soccorso la portavoce della Croce Rossa est, Sonja Kellner.

Il pullman avrebbe tamponato un mezzo pesante fermo per un'avaria. Il portavoce dei vigili del fuoco, Franz Resperger, ha riferito che anche l'autista del tir, sbalzato fuori dal veicolo, è rimasto gravemente ferito. Alcuni testimoni hanno detto che la guida del gruppo nell'urto sarebbe stata sbalzata fuori dall'abitacolo e tre persone sono rimaste intrappolate nell'autobus. Soltanto l'intervento dei vigili del fuoco è riuscito a liberarle. Altre tre persone che avevano subito lesioni abbastanza leggere sono state medicate sul posto da una squadra di soccorsi specializzata.