Continua il viaggio della speranza di numerosi migranti nel Canale di Sicilia.

Non si placano gli episodi degli sbarchi in Sicilia sempre più numerosi e complicati. Sbarchi che vedono uomini, donne e bambini con la speranza di raggiungere l’Italia per trovare un lavoro (qui o altrove) e iniziare così una nuova vita.

Spesso questo sogno viene infranto ancora prima di toccare terra, quando infatti la Guardia Costiera italiana, li raggiunge. Come è accaduto nel tardo pomeriggio di ieri,11 settembre, quando la processione di barche è stata individuata, straripante di migranti in fuga.

Dei 1.210 migranti almeno 300 sono i minorenni e numerose le donne in cerca di aiuto.

Le 5 navi mercantili si stavano dirigendo verso le coste italiane, quando la Guardia Costiera li ha intercettati affiancando il loro arrivo nei porti italiani, previsto nella mattinata di oggi. Due delle 5 imbarcazioni giungeranno in Siciliani, rispettivamente una imbarcazione con 198 migranti a Catania e  una seconda con 98 migranti a Messina. Ancora sconosciuta è la destinazione delle altre tre navi.