010101La cannella (Cinnamomum zeylanicum) è un piccolo albero sempreverde originario dello Sri Lanka, dalla cui corteccia o arbusto si ricava una spezia dal profumo intenso che aromatizza le preparazioni culinarie più diversificate. Essa deve il suo nome alla caratteristica forma a cannuccia, simile a una piccola canna, ma la traduzione in inglese, “cinammon”, ha origine dall’arabo e significa “pianta profumata). La cannella vanta una storia millenaria: è citata nella Bibbia come ingrediente per la preparazione dell’unguento della Consacrazione, ma anche come afrodisiaco (libro dei proverbi: “ho profumato il mio letto con mirra, aloe e cinnamomo… vieni inebriamoci d’amore fino all’aurora e godiamo le delizie del piacere…”).

CANNELLA 1Era usata dagli antichi Egizi per le imbalsamazioni e citata dai Greci e dai Romani. Pare che Nerone, quando morì la moglie Poppea, fece bruciare una quantità spropositata di cinnamomo. Erodoto, invece, situava nel mar d’Arabia alcune isole dove vivevano gli uccelli della cannella, che costruivano il nido proprio con la corteccia della cannella che gli Arabi, con non poche difficoltà, rubavano per un loro uso medicinale e/o gastronomico. Venne adoperata abbondantemente anche nel Medioevo, quasi esclusivamente dai ricchi, dato il suo costo esorbitante. Le carni fresche, sfruttando le proprietà antiputride, venivano cosparse con essa che veniva largamente impiegata, assieme ad altre energiche spezie come il peperoncino, il pepe o il rosmarino, per mascherare il sapore della carne già in fase di putrefazione. Importata poi in Occidente con le carovane, durante il Medioevo e gli Olandesi, che impiantarono un traffico stabile con lo Sri Lanka nella prima metà del 1600, divennero i principali importatori d’Europa.

CANNELLA 4La cannella contiene 252 calorie per 100 gr di prodotto, ha pochissimi grassi ed è composta prevalentemente da zucchero, proteine e fibre, Sali minerali (tra cui calcio, magnesio, potassio,rame e selenio), vitamine A e B. Le sue proprietà benefiche sono dovute alla presenza di una sostanza denominata cinnamaldeide, contenuta nella corteccia dei rami giovani, che diminuisce il tasso glicemico con il conseguente miglioramento dell’azione dell’insulina, ormone pancreatico responsabile della degradazione del glucosio e della sua trasformazione in glicogeno; stimola l’aumento del peptide glucagone simile, un ormone gastrointestinale che interviene nella regolazione dell’appetito, riequilibra la produzione e il rapporto nel dismetabolismo dei grassi (colesterolo totale, LDL e trigliceridi); mentre il metil-idrossicalcone ha funzione insulino-simile. Inoltre, la cumarina migliora la circolazione sanguigna, agendo come anticoagulante; i tannini e l’eugenolo hanno proprietà antibatteriche, antivirali e antifungine, i tannini modulano l’ipertensione e le fibreriducono l’assorbimento dei grassi intestinali e riducono il senso di fame.

CANNELLA 5La cannella stimola il sistema immunitarioed è un buon rimedio naturale contro raffreddore, influenza, diarrea, flatulenza e dispepsia, è utilizzata nella medicina ayurvedica e nella medicina tradizionale cinese nei disturbi legati al freddo (poiché ha un effetto riscaldante) e contro i dolori mestruali, ha azione antiparassitaria contro Candida ed Escherichia coli. Inoltre, tiene sotto controllo il peso, combatte nausea, bruciore di stomaco e pancia gonfia, cura l’alito cattivo, è un toccasana contro artrite e reumatismi, arresta la caduta dei capelli. L’olio è un ottimo disinfettante naturale, utilizzato come collutorio contro le gengiviti e nelle infiammazioni del cavo orale.

Caterina Lenti

MeteoWeb