Il Ministero della Cultura ha annunciato che i 10 progetti finalisti da cui poi scegliere la capitale italiana della cultura 2025 saranno selezionati il prossimo 1° febbraio 2023. Le convocazioni per le audizioni saranno rese note entro il 22 marzo 2023.

Inviece, per il verdetto finale bisognerà spettare il prossimo 5 aprile, quando la giuria indicherà al ministero la candidatura “più idonea” a ricevere il titolo e la motivazione.

I 10 progetti finalisti saranno discussi pubblicamente nelle audizioni che si terranno nella sede del ministero della Cultura, al Collegio Romano o, eventualmente, in videoconferenza. Ciascun finalista avrà a disposizione trenta minuti per presentare la propria candidatura, poi la palla passerà alla giuria per le domande.

Tra le 15 candidature ci saono anche due città siciliane: Agrigento e Enna.

Le altre: Assisi (Perugia), Asti, Bagnoregio (Viterbo), Reggio Calabria, Monte Sant’Angelo (Foggia), Orvieto (Terni), Otranto (Lecce), Peccioli (Pisa), Pescina (L’Aquila), Roccasecca (Frosinone), Spoleto (Perugia) e Sulmona (L’Aquila).

La città vincitrice, grazie anche al contributo di un milione di euro messo in palio, potrà mettere in mostra, per un anno, “i propri caratteri originali- conclude la nota- e i fattori che ne determinano lo sviluppo culturale, inteso come motore di crescita dell’intera comunità”.

Sono già note le capitali dei prossimi due anni: Procida passerà il testimone a Bergamo e Brescia, città alle quali è stato conferito congiuntamente il titolo del 2023. Nel 2024 toccherà invece a Pesaro.

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di SiciliaFan! Iscriviti, cliccando qui!

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia