Il ristoratore bagherese Nino Buttitta ha completato il suo viaggio fino ad Assisi: è partito dalla Sicilia e, in  due mesi, ha percorso 1.300 chilometri camminando a fianco del suo cavallo grigio, di nome Gandalf.

Dalla Sicilia ad Assisi, il viaggio di Nino Buttitta

Lo scorso 4 ottobre, nel giorno di San Francesco, è partito dalla Sicilia e ha attraversato una parte dell’Italia a piedi insieme al suo fedele Gandalf, giungendo ad Assisi dopo due mesi: un viaggio nato dopo un periodo difficile, segnato dall’emergenza Covid.

Nino Buttitta, 44 anni, ha camminato accanto al suo cavallo, che trainava un carretto siciliano con alcuni beni di prima necessità. È arrivato ieri, lunedì 5 novembre, alla Basilica di San Francesco: qui ha ringraziato il Santo dopo aver superato le difficoltà della pandemia. Ad accoglierlo c’erano il sindaco di Assisi, Stefania Proietti, il custode del Sacro Convento, padre Marco Moroni, e alcuni sostenitori, che lo hanno raggiunto anche dalla sua terra d’origine.

È stato un viaggio faticoso e bellissimo – ha raccontato Buttitta – che mi ha cambiato e rigenerato, sono partito ragazzo e arrivato adulto. Ho intrapreso questo pellegrinaggio dopo un momento difficile della mia vita, per ringraziare il Santo che parlava con gli animali”.

“Sono un piccolo ristoratore e, dopo pandemia e lockdown credevo di non farcela ad andare avanti. Ho ritrovato un po’ di forza ed entusiasmo recuperando la mia vecchia passione per i cavalli. Dopo una serie di vicissitudini, ci siamo ripresi e ho deciso di fare questo pellegrinaggio insieme a Gandalf. Ho camminato accanto a lui, facendo in media 25 chilometri al giorno”.

Insieme abbiamo attraversato mezza Italia, dormendo spesso in stalle e ripari di fortuna, a volte mangiando solo biscotti o mele. Gandalf era la mia priorità. Se lui avesse avuto problemi avrei fermato il viaggio. Fortunatamente è andato tutto bene, abbiamo toccato tante regioni, conosciuto tanta gente e trovato tanta attenzione, solidarietà e ospitalità. Abbiamo percorso strade interne e statali e siamo stati anche scortati dalla polizia stradale“.

Non sono mancate le difficoltà, che tuttavia sono state superate nel migliore dei modi: “Abbiamo avuto paura soltanto una volta in Calabria, quando siamo stati travolti da un violento temporale e da una tempesta di fulmini e abbiamo avuto difficoltà a trovare riparo. Il momento più bello è oggi, l’arrivo ad Assisi: un sogno che si avvera“, aggiunge Buttitta.

Porto nel cuore quanti mi hanno accolto e le tante persone che, apprendendo la storia del mio pellegrinaggio, mi hanno lasciato candele, fazzoletti, maglie o altri effetti personali da portare a San Francesco per chiedere la grazia di una guarigione per un parente o un amico malato. Oggi sono qui anche per loro, a pregare il santo di Assisi. Posso dire che ho trovato un’Italia bella e solidale, fatta di fatica e speranza, che non vuole mollare nonostante le difficoltà. Il mio viaggio vuole essere anche una testimonianza di speranza, solidarietà e pace in questo momento difficile”.

Padre Marco Moroni, custode del Sacro Convento, ha accolto il siciliano, spiegando che il suo è stato un pellegrinaggio speciale, “non solo per aver fatto il viaggio insieme a un cavallo, ma perché è venuto qui a ringraziare Francesco per il dono di una vita rinata e di una fiducia ritrovata. Vediamo tanti pellegrini ogni anno, chi sceglie un pellegrinaggio del genere è testimone di una vita che si mette in cammino, che ritrova la sua motivazione”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia