Chi arriva nella centrale piazza Vittorio Emanuele a Enna resta incuriosito dalla magia dei tronchi degli alberi vestiti con drappi di centrino ad uncinetto e maglia in lana.

Si tratta del progetto di arte di strada, Yarn Bombing, firmato da Ancos, insieme all’associazione Banca del Tempo e sponsorizzato dal Comune di Enna.

“Al progetto, che ha reso il centro cittadino di Enna a colori, con filati a maglia e stoffe che abbelliscono i nostri alberi, hanno collaborato anche la cooperativa di disabili la Contea e l’associazione The Crace, Aps 360 StartupSoddisfatte”, ha spiegato la presidente della Banca del tempo Rita Lo Giudice La Paglia che adesso sta lavorando ad un progetto con gli ospiti della casa di riposo per realizzare oggettistica per natale.

“Con poco abbiamo abbellito il centro cittadino grazie all’impegno di decine di donne che hanno offerto il loro sapiente lavoro”, ha aggiunto la presidente dell’Ancos, Franca Andolina.

Cos’è lo Yarn Bombing

Lo Yarn bombing, o urban knitting o anche graffiti knitting (alla lettera in italiano graffiti a maglia), è un particolare tipo di graffitismo o di arte di strada costituito da esposizioni colorate di opere formate da stoffe o tessuti lavorati a maglia o a uncinetto, che solitamente sono posti ad avvolgere oggetti presenti in luoghi pubblici, invece che dipinti o disegni realizzati con vernici.

Si ritiene che questa espressione artistica si sia originata negli Stati Uniti in Texas, da dove si è poi diffusa in tutto il mondo, dalla creatività di alcune magliare, che trovavano così una modalità di utilizzo per i loro lavori non terminati o abbandonati.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia