Arriva da Carini, in provincia di Palermo, una storia con un bel lieto fine, che ha per protagonista una famiglia tedesca e una cagnolina abbandonata. Nonostante le difficoltà linguistiche, grazie al prezioso aiuto dell’Enpa della cittadina del palermitano, hanno adottato la cagnolina.

Carini, famiglia tedesca adotta la cagnolina Dina

A raccontare la storia è proprio la sezione di Carini dell’Ente Nazionale Protezione Animali. “Il lieto fine esiste“, spiega l’associazione sui social e, andando avanti con la lettura, non si può che essere d’accordo.

Una famiglia tedesca decide di comprare casa nelle montagne di Carini, un centro poco distante da Palermo. Tra i cespugli del terreno che della casa, trovano una cagnolina abbandonata. Hanno già dei cani, tutti adottati e, naturalmente, non ci pensano un attimo a prendersi cura anche di lei, che chiamano Dina.

La famiglia tedesca parla pochissimo inglese e quasi nulla di italiano. Probabilmente, per capire come fare entrare “ufficialmente” Dina nella loro famiglia, scrivono “animal protection” su un motore di ricerca. Finiscono così sul sito dell’Enpa.

Come è facile intuire, non mancano alcune difficoltà di comunicazione ma, nonostante questo, la forza dell’amore nei confronti di questa piccola amica a quattro zampe è  più forte. Grazie al prezioso lavoro dei volontari dell’Enpa di Carini, Dina, attraverso il Comune e l’ASP, viene sterilizzata e microchippata. Le viene anche fatto il passaporto, in modo che possa raggiungere la Germania con la sua nuova famiglia.

“A distanza di quasi un mese, Dina abbraccia nuovamente la sua mamma ed il suo papà che hanno pensato anche ai nostri trovatelli”, conclude l’Enpa Sezione di Carini. È proprio vero che il lieto fine esiste, in questo caso, più che mai. Foto: ENPA Sezione Carini.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati