Stangata d'autunno per i cellulari. Ha spiegato tutto nel dettaglio un articolo di Sandra Riccio su La Stampa: in arrivo aumenti delle tariffe (a volte automatici), mentre alcuni clienti delle principali compagnie avrebbero avuto qualche sorpresa già nel corso dell'estate. L'Unione Europea ha abbattuto i costi del roaming, cioè quei costi che si pagano per telefonare, inviare sms e usare la connessione internet quando si è all'estero, tuttavia Tim/Telecom, Wind e H3G non si sono adeguate e sono state sanzionate dall'Agcom, Autorità garante per le telecomunicazioni. Nel frattempo, pare siano spuntate una serie di nuove spese che prima non c'erano e che hanno dato non poco fastidio a molti italiani che erano in vacanza all'estero. 

Ecco cosa si legge su La Stampa:

«Con la cancellazione del roaming, le compagnie che si sono viste tagliare una fetta importante dei propri guadagni – dice l’avvocato Franco Conte, responsabile settore energia e utenze di Confconsumatori -. Hanno pensato bene di compensare le perdite con nuove tariffe flat senza che ci fosse una richiesta specifica da parte degli utenti».

Anche per quanto riguarda la telefonia fissa alcuni piani sarebbero stati rimodellati verso l'alto. Da agosto, ad esempio, alcuni abbonamenti Tim/Telecom sono stati rincarati e alcune tariffe a pagamento per le famiglie di Wind sono aumentate o stanno per aumentare di 1 euro. Secondo le associazioni di consumatori, negli ultimi anni i rincari introdotti da un operatore sono stati applicati a ruota anche dalle altre società telefoniche. Il consiglio è di informarsi direttamente con il proprio operatori per essere certi di eventuali novità in programma.