PALERMO – Il gup di Palermo Walter Turturici ha condannato complessivamente a 80 anni di carcere 6 esponenti del clan del boss latitante Matteo Messina Denaro. Come riportato da Ansa, per 5 persone l'accusa era di associazione mafiosa, mentre una persona rispondeva di favoreggiamento. A 17 anni sono stati condannati Domenico Scimonelli, ritenuto tra i più vicini al capomafia trapanese, Pietro Giambalvo e Michele Gucciardi. Rispettivamente 12 e 13 anni hanno avuto Michele Terranova e Vincenzo Giambalvo, 4 Giovanni Loretta, accusato di favoreggiamento. Il processo si è svolto con rito abbreviato.