L’imprenditrice siciliana Elena Ferraro ha messo a disposizione della Sanità Regionale la sua clinica di Castelvetrano. In questo difficile momento, in cui si fronteggia l’emergenza Coronavirus, ha scritto all’assessore Ruggero Razza: «Ho un intero piano che si presta per la rianimazione, se serve le porte sono aperte».

Elena Ferraro ha difeso dalle mire di Cosa Nostra il suo centro diagnostico, denunciando un tentativo di estorsione da parte del cugino di Matteo Messina Denaro, ed è sotto tutela da parte dello Stato.

Al primo piano del centro sanitario privato ci sono otto posti letto con possibilità di ventilazione artificiale e una sala operatoria attrezzata. La disponibilità è stata registrata dall’Asp di Trapani, che ne terrà conto in caso di bisogno.

Articoli correlati