PALERMO – Sono stati eseguiti all’ospedale Buccheri La Ferla di Palermo i primi interventi di chirurgia bariatrica, o chirurgia dell'obesità. Si è trattato di due pazienti romani che hanno scelto di raggiungere il nosocomio di via Messina Marine per sottoporsi a un intervento di by pass gastrico. Entrambi stanno bene e hanno già lasciato l’ospedale. 

L’intervento è stato eseguito dagli specialisti dell’unità operativa complessa di Chirurgia generale, diretta da Cosimo Callari, in collaborazione con l’equipe di Anestesia dell’ospedale di Letterio Guglielmo. L’equipe medica e la strumentazione all'avanguardia sono state le caratteristiche distintive che hanno indotto i pazienti a lasciare la capitale per effettuare l’intervento a Palermo. Gli interventi sono durati circa un’ora ciascuno e sono stati realizzati con tecnica mini-invasiva permettendo ai pazienti di camminare lungo i corridoi del reparto già dopo poche ore dall'intervento e con una degenza breve di soli tre giorni.

L’unità operativa è collegata al percorso chiamato "Screening Obesità" che offre al paziente obeso un iter diagnostico e terapeutico multidisciplinare con una equipe dedicata composta da chirurgo, internista, diabetologo, nutrizionista, cardiologo, radiologo, pneumologo, psichiatra e chirurgo plastico con la possibilità di effettuare gli esami e le valutazioni specialistiche preoperatorie, accedere alla visita chirurgica per la scelta e la programmazione dell’intervento ed effettuare il follow-up postoperatorio.

"Il paziente va selezionato con attenzione. È necessario offrire un’assistenza prima e dopo l’intervento che si prenda cura non solo degli aspetti chirurgici ma anche dello stato clinico e metabolico generale, dell’alimentazione, del rapporto con i cambiamenti del corpo e con le nuove abitudini alimentari che si seguiranno dopo l’intervento chirurgico", spiega il medico Cosimo Callari.