Questo vaso a forma di saliera proviene da una tomba databile all’ Età del Rame rinvenuta nel fondo Santocanale presso il borgo di Partanna (Palermo) nei primi anni 50; il luogo oggi non è rintracciabile a causa dell’espansione edilizia e non si conosce il numero esatto delle tombe, probabilmente una quarantina, né l’entità dei corredi che in parte sono andati dispersi, alcuni reperti fanno parte di collezioni private e una piccola parte è custodita al Museo Salinas.

Il vaso a saliera è in argilla plasmata a mano ed è costituito da due coppette uguali unite da un ponte e da un’ansa a staffa che fa da manico e mostra una decorazione puntiforme incisa sia nel bordo superiore che nella parte centrale dove segue una linea ondulata.

Alcune parti sono annerite dal fuoco; probabilmente veniva usato per bruciare piccole quantità di semi, erbe o essenze e non per contenere il sale il cui uso non era ancora praticato.

 

In esposizione fino al 31 Ottobre 2015 alla mostra "Nutrire la città. A tavola nella Palermo antica"
info —> https://www.facebook.com/video.php?v=910786365610159&set=vb.700986953256769&type=2&theater