L’unica certezza, come sempre, è che la Sicilia va a rilento. Nello spoglio in corso dalle 15, solo alle 18.45 è arrivato il dato definitivo dell’affluenza alle urne. Un solo seggio a Messina ha bloccato, per tre ore filate, l’ufficialità dei votanti in tutta l’Isola. Va anche peggio con i risultati effettivi dello spoglio. Ovunque, soprattutto a Messina e Catania, e operazioni di scrutinio sono ferme a poche decine di seggi: ma un trend si può registrare. I grillini scompaiono: tranne che a Ragusa capoluogo, in Sicilia, il movimento di Beppe Grillo perde appeal. Non riesce a superare la soglia del 4% a Messina dove la candidata Maria Cristina Sajia è ferma al 3,7%. Stessa percentuale o poco meno a Catania per la candidata Lidia Adorno.

[Continua la lettura dell’articolo]