01Premiare le idee più innovative nel campo dell’energia e del sociale: è questo l’obiettivo di Edison Start, che quest’anno ha consegnato il riconoscimento di 100 mila euro a tre progetti siciliani.

Edison, la italiana più antica d’Europa nel campo dell’energia, ha deciso di istituire un premio volto a celebrare e ricompensare le idee più geniali nel campo del risparmio energetico, dell’eco-sostenibilità e dell’innovazione, tecnologica e sociale. L’iniziativa, messa a segno lo scorso anno in occasione dei 130 anni della compagnia, ha riscosso anche quest’anno un discreto successo.

Tutte siciliane le idee di quest’anno, che si sono aggiudicate la succulenta cifra di 100 mila euro l’una, per poter iniziare con i lavori della prima fase di progettazione e realizzazione. I ragazzi hanno sbaragliato una concorrenza di oltre 840 progetti, classificandosi tra i primi 30 finalisti di quest’anno.
Il concorso, partito nel gennaio scorso, ha permesso la condivisione, anche sui social, di iniziative giunte da tutta Italia, sia da micro e piccole imprese che da semplici studenti.

Produrre energia elettrica al passaggio dei treni: è questa l’idea di Greenrail, neo-società di Palermo che ha ideato una traversina in plastica per rendere il trasporto ferroviario davvero ecologico, e soprattutto intelligente. Dietro il progetto, tre ragazzi siculi: Giovanni Maria De Lisi, Manfredi Inguaggiato, Fabio Guinci.

Ed è tutto siciliano anche il team di Park Smart; l’ideatore del software atto a monitorare i parcheggi, è un giovane catanese, che si è aggiudicato il riconoscimento di 100 mila euro per la categoria ‘smart communities’. Il suo servizio, che si basa sull’uso di telecamere di sorveglianza, anche già esistenti sul territorio, ha l’obiettivo di individuare i posti liberi e segnalare le aree di sosta presenti nel luogo in cui Park Smart verrà installato.

La stessa somma in denaro è stata consegnata al progetto Fiori di Campo, di Francesco Costantino. La Cooperativa sociale Libera-Mente ha intenzione di mettere in atto un’iniziativa di turismo etico utilizzando un immobile confiscato alla mafia, presso la cittadina di Marina di Cinisi, nel palermitano. L’idea è quella di convertirlo in un luogo ricettivo ad elevato risparmio energetico, dove si potranno gustare i prodotti locali coltivati secondo metodi eco-sostenibili.

Oltre al premio in denaro messo in palio da Edison, i finalisti hanno anche avuto la possibilità di godere di un’attività di supporto e consulenza da parte dei professionisti dell’Università Bocconi, del Mip Politecnico e di Assolombarda.

Autore | Enrica Bartalotta