ROMA – Ergastolano consegue la terza laurea con 110 e lode.

Si chiama Massimo ed è il detenuto che, in 24 anni di galera, ha fatto fruttare la sua "disgrazia" con ben 3 lauree, due delle quali conseguite con il massimo della votazione di 110 e lode. Alla fine dell'ultima discussione, che ha visto il detenuto impegnato nel tema della "comunicazione e della socializzazione in carcere" gli è stato offerta la possibilità di approfondire gli studi, grazie ad un master completamente gratuito promosso dall'Università della Tuscia. 

Mercoledì scorso, Massimo è diventato per la terza volta "dottore". Questa volta in Scienze della Comunicazione, prima ancora aveva conseguito la laurea in Economia e Commercio e la volta precedente in Scienze Politiche. In lacrime la madre, i parenti che hanno potuto assistere alla proclamazione e tutti gli amici del penitenziario romano, hanno applaudito le gesta dell'uomo che non ha alcuna intenzione di terminare gli studi. Adesso si dice pronto per una nuova sfida.

La condanna di Massimo:

L'uomo è entrato in carcere all'età di 19 anni con la condanna a "fine pena mai" per aver commesso un duplice omicidio. Il passato dell'uomo, soprattutto durante l'adolescenza, non è stato dei migliori, ricevendo un futuro dietro le sbarre che, nonostante gli svariati riconoscimenti, non ha alcuna intenzione di essere variato. 

Intervistato il garante dei detenuti del Lazio ha commentato così l'impresa di Massimo: 

Abbiamo deciso di rendere nota la storia di Massimo perchè è una vicenda unica. È L'ennesima conferma, ove ce ne fosse bisogno, che la criminalità si combatte anche con la cultura e l'istruzione. Noi abbiamo investito molto sui percorsi scolastici in carcere e questo è il risultato.

Il detenuto tre volte dottore ha discusso la prima laurea in Economia nel 2007 dal titolo: "Il recupero del detenuto: una prospettiva economica". Nel 2010 consegue la laurea in Scienze Politiche affrontando il tema delle interconnessioni nella storia della mafia.

Mercoledì il nuovo traguardo.