Era stata sottratta ai suoi genitori a 3 giorni dalla nascita e, dopo 17 anni, ha potuto riabbracciarli per puro caso. Zephany Nurse è stata rapita il 30 aprile 1997 a Woodstock (Sudafrica): si trovava ancora in ospedale, quando una donna ha approfittato del sonno della madre. Da allora, i genitori non hanno mai perso la speranza, confidando nel fatto che sarebbe tornata a casa. A farli ritrovare, una casualità: gli alunni della scuola che la ragazza frequenta hanno iniziato ad insistere sulla somiglianza tra lei e un'altra ragazza di una classe diversa.

Quando i genitori ne sono venuti a conoscenza, hanno voluto saperne di più, invitando Zephany per un tè: vedendola, sono rimasti sbalorditi per la somiglianza. Hanno avvertito la polizia e richiesto il test del DNA, che ha confermato i loro sospetti. Le due ragazze così somiglianti sono sorelle e lei è proprio la figlia, rapita 17 anni fa.

La vicenda è stata raccontata sulle pagine del Mirror, dove è stato anche spiegato che i dettagli di quanto sia accaduto alla ragazza nel corso degli anni sono ancora poco chiari. E' ovviamente cresciuta con un nome diverso e non ha mai sospettato nulla. La donna che l'ha rapita è stata arrestata con l'accusa di rapimento e frode.