030303Per eritema solare si intende la manifestazione dermatitica, cioè infiammatoria della pelle, che può manifestarsi durante eccessive esposizioni solari, più precisamente, all’esposizione ai raggi ultravioletti di lunghezza d’onda compresa tra i 280 e i 315 nm (UVB), in particolare alle prime esposizioni, quando la pelle ha accumulato ancora poco pigmento, che significa poca protezione naturale dai danni delle radiazioni presenti nella luce. La cute appare arrossata, acquisendo una colorazione dal rosa leggero al violaceo, per via dell’aumento dell’afflusso sanguigno al livello più superficiale della pelle, che può accompagnarsi a: dolore, dolorabilità, senso di bruciore, prurito e, nei casi più gravi, a febbre, malessere generale, debolezza, facilità allo svenimento (perdita di coscienza) e alla comparsa di vescicole o bolle piene di siero a causa dello scollamento di una parte dello strato più superficiale della pelle.

CAMOMILLALa gravità dell’eritema dipende direttamente dalla durata e dall’intensità dell’esposizione. Tanti sono i rimedi naturali che consentono di alleviare la sintomatologia. L’amido contenuto in molte verdure e nel pane, ad esempio, disinfiamma e decongestiona rapidamente la cute irritata. Basta semplicemente intingere una fetta di pane in acqua e applicarla, avvolta in un canovaccio, sulla zona colpita dall’eritema, oppure apporre una fetta di patata, di mela, di lattuga o di cetriolo sulla pelle per 10-20 minuti, in modo da ricavarne subito sollievo. In alternativa, potete optare per un infuso di camomilla, applicato con impacchi rigorosamente freddi, che ha un effetto antinfiammatorio, promuove il metabolismo cutaneo e contribuisce alla rigenerazione del derma.

ALOE VERAIl gel estratto dalle foglie di aloe vera, oltre a decongestionare il rossore e sfiammare la scottatura, rigenera i tessuti e migliora l’idratazione cutanea… non a caso viene utilizzato in fitoterapia come rimedio di pronto soccorso per ogni tipo di lesione della pelle. Ottimi anche l’olio di iperico, conosciuto col nome di “olio di San Giovanni”, che elimina totalmente il dolore già dopo pochi minuti dall’applicazione (generalmente sull’eritema solare sono sufficienti un paio di applicazioni per risolvere il problema) e l’olio di calendula, che svolge un’azione emolliente, lenitiva, calmante, antinfiammatoria e cicatrizzante su pelle sensibile e irritata, venendo applicato nei casi di eritema solare, ma anche di dermatosi, arrossamenti da pannolino, lievi ustioni e reazioni allergiche ad agenti chimici.

BAGNOUn bagno in acqua tiepida, con oli essenziali come camomilla romana, lavanda ed eucalipto, aiuta a diminuire l’infiammazione e stimola la rigenerazione dei tessuti. In alternativa, sciogliete in acqua dell’amido di riso in granuli o in polvere,venduto in farmacia o nei supermercati. Dopo il bagno, non risciacquatevi, ma asciugatevi velocemente con un asciugamano di cotone, applicando infine dell’olio di canapa, lenitivo e rigenerante.

CAROTE CRUDE - CopiaOcchio all’alimentazione, che deve essere ricca di frutta e verdura, in particolare di cibi vegetali ricchi di betacarotene (es. carote, melone, albicocca e spinaci) e di vitamina E(es. olio di germe di grano, olio di girasole, frutti di bosco e avocado). Via libera a pomodori, ricchi di licopene, che aiutano a mantenere l’abbronzatura oltre che a proteggere la cute e ricordate di idratarvi, bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno. Evitate di esporvi alle dannose radiazioni solari contenenti i raggi UVA e UVB, nella fascia oraria compresa tra le 11 e le 15, utilizzate sempre una crema protettiva adatta al vostro fototipo di pelle, cospargendola sul corpo circa ogni 3 ore anche dopo il bagno o sotto l’ombrellone, proteggete il capo da un’eventuale insolazione con un cappello, vestendovi con capi traspiranti e naturali in lino o cotone e indossate occhiali solari di buona qualità.

Caterina Lenti

MeteoWeb