C'è anche il calciatore Francesco Modesto, che vanta trascorsi nel Palermo e un lungo passato in Serie A e B, tra i 14 arrestati in un'operazione antimafia dei carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Cosenza. Gli indagati devono rispondere di associazione di tipo mafioso dedita all'usura e all'estorsione.

Al centro dell'inchiesta un gruppo criminale ritenuto emanazione delle cosche federate Cicero-Lanzino e Rango-Zingari di Cosenza che, utilizzando i capitali della 'ndrangheta, elargivano prestiti con l'imposizione di tassi d'interesse fino al 30% mensile.

Francesco Modesto, 34 anni, è accusato di usura poiché si sarebbe attivato nel campo dei prestiti insieme al suocero, anche lui tra gli indagati. Esterno sinistro difensivo, arrivò a Palermo all'alba dell'era Zamparini. Vanta 5 presenze nell'anno della storica promozione in A del 2003-04. Oggi Modesto è svincolato. Palermo a parte, ha militato anche im Vibonese, Ascoli, Reggina, Bologna, Genoa, Parma, Pescara, Padova e Crotone.