Farmaci scaduti negli allevamenti del messinese

Sono complessivamente cinque le persone denunciate a seguito di un blitz a Sant'Agata di Militello nel messinese. I cinque allevatori sono stati tutti egualmente accusati di detezione abusiva di armi e munizioni (utilizzati forse per la caccia ai cinghiali)  ricettazione, forme di macellazione clandestina e maltrattamento di animali.

A questo si aggiunge l'esercizio abusivo della professione di veterinario e la falsificazione di documenti del bestiame. Uno scandalo per la polizia di Sant'Agata di Militello dove animali in vita detenevano i documenti di altri capi già macellati in passato, ad Avellino. 

Impossibile immaginare il danno che questi allevatori causano a Messina e dintorni.